domenica 10 febbraio 2008

Un gioiello dimenticato

















Questo pomeriggio passeggiando con Sole sono passato da un monumento che credo sia uno dei piu belli della mia citta' ed e' la Chiesa di san Vito .
Io non sono un esperto d'arte o di architettura , ma secondo me e' la piu bella chiesa di Corato.

Questo gioiellino se lo avvessero potuto staccare e messo da un'altra parte l'avrebbero fatto con gioia per farci dei palazzoni enormi, ma non si sono persi d'animo quei palazzoni li hanno fatti eccome , ma praticamente attaccati a pochi centimentri dalla chiesetta!
La facciata purtroppo non l'ho potuta fotografare semplicemente perche' e' impossibile , bisognerebbe abbattere il palazzo di fronte , ed ecco che mi e' venuto in mente un pensiero, perche' il comune non acquista quel palazzo di fronte e lo abbatte per farci una bella piazzatta per poter valorizzare quel gioiellino di chiesa??

Perdonatemi , ma io sogno troppo, sara' che amo la mia citta'??

Io credo che andrebbe fatto qualcosa per quella chiesetta che e' davvero splendida, con quei palazzoni li' mi sembra che pianga a cospetto di quei brutti giganti!
Una consolazione , all'interno non preoccupatevi non hanno ancora costruito nulla in cemento armato, se vi capita visitatela almeno fin quando c'e!
Era un commento amaro e deluso, ma in rete ce ne sono altri su Corato che comunque descrivono la mia citta nonostante tutto, come un citta carina e simpatica !
Ecco un toccante commento di un amante di Corato

17 commenti:

Anonimo ha detto...

Naturalmente sono d'accordo con quanto detto da te. La chiesetta di S. Vito è adorabile e quella sottospecie di palazzo li attorno non ci sarebbe duvuto essere! Diffile poterlo abbattere... pensa un po agli occupanti di quegli appartamenti... non sarebbe corretto nei loro confronti anche se sarebbe giusto tutelare quel gioiellino di Chiesa. Comunque a parte questo devo dire che il commento del milanese da te linkato onestamente non mi è piaciuto affatto!!! Dice che a Corato c'è poco da vedere, descrivendola come uno di quei piccoli paesotti di campagna o di montagna che si trovano nel milanese o al nord più in generale, quando invece non è affatto così!!! Poi dice che consiglierebbe agli altri di visitarla. Un po contraddittorio... non credi? Se in una città c'è poco da vedere, io almeno, non la consiglio ai miei amici...! GIGGIONE

Gennaro ha detto...

Come al solito entri aggressivo e litigioso , non hai letto tra le righe di quel commento , devi leggerci l'amore che esprime quel commento nei confronti della nostra citta!!
Comunque e' vero Corato non offre nulla di bellissimo, certo ai nostri occhi e' la piu bella citta' del mondo, ma certe volte bisogna essere obiettivi!

Anonimo ha detto...

E' quanto di più falso tu possa dire! Quel commento non esprime nessun amore nei confronti della nostra città, è solo una descrizione del nostro paese! Almeno io non percepisco tutto questo amore che avverti tu. Poi se vogliamo parlare del fatto che Corato sia più o meno bella, quello è un altro discorso; su ciò possiamo discutere (perchè il concetto è parecchio discutibile). Ti garantisco che in giro c'è di peggio, prova a visitare gli hinterland delle grandi città settentrionali, zone a dir poco disagiate, e poi vediamo se non sei d'accordo con me. Comunque ai miei occhi, agli occhi di un coratino, Corato non è certamente la città più bella del mondo come dici tu, anzi, io sono uno dei più critici nei confronti del nostro paese; ma far apparire Corato agli occhi di chi non la conosce come una città povera non mi garba affatto. Ti ricordo che di tutte le città limitrofe a Bari, facendo un rapporto nr. di abitanti/nr. di aziende, risulterebbe la più industrializzata, con ben oltre 4000 aziende a suo vanto, di cui alcune sono delle "grandi aziende". Spero almeno adesso di essere considerato obiettivo! Una puntualizzazione, solitamente non mi sembra di entrare aggressivo e litigioso, ma forse contrariamente a te io amo davvero la mia città, e queste sottigliezze che tu non hai notato o hai percepito come "frasi d'amore" io le ho interpretate come critiche infondate che pertanto mi irritano. A volte però ho l'impressione che a te non piaccia il fatto che su tante questioni ho dei punti di vista diversi dai tuoi. Però almeno dovresti ammettere che io ti animo un po il blog... :-) GIGGIONE :-)

SoleDiva ha detto...

Possono costruire 300.000 aziende a Corato(come vedo che succeda), ma l'economia della città non si attiva, se non c'è piu lavoro, la crescita è solo apparente, e come tale non si puo parlare di città industrializzata.

E per il contrario credo che un posto non sia bello solo per la infraestruttura, il mare, montagna industrie o tutto quanto, ma sopratutto per l'aria che si respira, e dove c'è molto pessimismo e gente arrogante, sfrutattori, la dellussione s'impone al di sopra dell'allegria.

Anonimo ha detto...

caro rino tu riapri vecchie ferite.Il soffocamento della chiesa templare di san Vito era una questione politica dibattuta tanti anni fa.Vorrei correggere qualcosa a proposito del tuo amico milanese.Federico non disse merdosa ma "meritosa".il primo è stato un appellativo credo delle città limitrofe per rivalità.
Inoltre devo corregere il "milanese"quando parla di bellezze artistiche.A questo ti rimando a quanto detto in precedenza sul tuo post a proposito del discorso sulla gioconda.Quindi ribadisco quanto già detto:NON SI PUO FARE LA DIFFERENZA O PARAGONE (artisticasmente parlando) TRA CORATO, ANDRIA, TRANI, MILANO, SAIGON, KUALA LUMPUR, O BUENOS AIRES.Ogni paese ha la sua storia e va esaminata nel suo contesto storico.Piazza di vagno non ha niente di meno del campo dei miracoli di Pisa o della piazza rossa a mosca.Se è vero che corato non ha il museo degli uffizi posso dire dire allora che Firenze non ha il dolmen?Chi stabilisce allora cosa è meglio?è solo la pubblicità a rendere note queste differenze ma artisticamente (ed è questo il solo valore reale di un opera)le cose stanno diversamente.Come si può affermare che il castel del monte sia meglio della chiesa Matrice?Essa come il castello è una costruzione unica al mondo e non esiste nulla del genere ad Andria.In Albania esiste il monumento a skander beu e in italia quello di Garibaldi e allora?Garibaldi era forse più forte?oppure la verità è che non conosci Skander beu e questo lo rende meno importante?
Altra cosa che riguarda la tua proposta sull'acquisto del palazzo antistante la chiesa di San vito.Ma sai quanto costerebbe una tale opera?e per fare che? abbatterlo!Mi auguro che qualcuno non lo faccia mai altrimenti dovremmo preoccuparci del nostro portafogli e della salute mentale di questo fantomatico sindaco.
Al limite non dovevano costruirlo dal principio.Ma ormai è fatta e dobbiamo tenercelo cosi

Anonimo ha detto...

l'ultimo messaggio era di Flender ovviamente

Luciano Riccardi ha detto...

Sono il milanese di cui sopra.
Ribadisco che a Corato c'è poco da vedere, se la pensate diversamente siete liberi di farlo, la cosa non mi interessa.
Certo a Giggione sembrerà chissà che cosa rispetto ai "paesotti di campagna del nord" (razzismo meridionale, se l'avessi scritto io sarei stato linciato), ma ognuno ha l'orizzonte che si merita. Il mio articolo non è contraddittorio: cerca di far comprendere le curiosità di una città priva di cose rimarchevoli ma comunque interessante per altri aspetti, che ho infatti citato.
Saluti.

Anonimo ha detto...

Intanto rivolgo una domanda a voi: "ma se Corato non vi piace fino a questo punto, che ci restate a fare"? E non c'è nulla, e non è industrializzata, e non c'è lavoro, e la crescita è solo apparente, e c'è molto pessimismo, e c'è gente arrogante, e gli sfrutattori... allora andatevene! Fate bagagli e bagaglini e trasferitevi! Cazzo emigrate! Fate un po quello che vi pare, ma non rompete i coglioni!!! Siete solamente bravi a lamentarvi, a piangervi addosso, pare che in altri posti sia tutto rosa e fiori. Ovviamente non posso che non essere d'accordo con Flender, ha lasciato un commento davvero intelligente, mi è piaciuto. Quanto a te Luciano, il mio pensiero non cambia e non mi interessa chi sei! Forse avrai ragione a dire che a Corato c'è poco da vedere, ma certamente il tuo racconto non ha aiutato la mia città, a mio modo di vedere le cose. Comunque il mio non è razzismo meridionale, voglio solamente far capire ai tuoi cugini che in giro, sparsi per l'Italia ci sono paesotti messi peggio del nostro ... tutto qui, e mi fa sorridere pensare che qualcuno mi identifica come un razzista. A proposito, sei d'accordo con me se dico che Rino ha avuto l'orizzonte che si meritava!? Vero? Fortuna che io per ora guardo quello della Marca trevigiana. GIGGIONE

Gennaro ha detto...

Concludendo la polemica con Giggione , caro luigi il bello e' che nessuno hai mai detto che Corato sia brutta, io il primo diro' che c'e poco da vedere di storico e interessante , ripeto poco non nulla, ma non ho mai detto che sia brutta.
Comunque che c'entra il mio orizzonte , qui si va sul personale o no??

Anonimo ha detto...

Carissimo Gennaro, quando dici che a Corato "c'è poco da vedere e non nulla", ma che "non è brutta", persistendo con queste tue affermazioni, allora mi viene naturale risponderti con toni aspri. Comunque Rino, sta tranquillo non c'è nulla di personale nel riferimento tra te e "l'orizzonte"... il fatto è che Luciano ha osato dire che "ognuno ha l'orizzonte che si merita", come se noi coratini ci meritassimo questa città e niente di meglio, dunque mi piacerebbe sapere da lui cosa pensa del fatto che il suo affezzionatissimo cugino ha davanti a se questo (terribile) orizzonte. Se ti sei sentito leso dalle mie parole allora ti dico che non era mia intenzione offendere nessuno. Ok? GIGGIONE

SoleDiva ha detto...

Ormai di censuratori di emigranti ne ho sentiti tanti!!
Ma siccome c'è la libertà di espressione, almeno RELATIVA, in questo paese...
Ce na ma fa, bisogna uscire dal guscio per capire.
D'altronde chissà dei progetti a futuro degli altri, magari un giorno ce ne andiamo tutti :)

SoleDiva ha detto...

Comunque Ringo, io ho capito il senso del tuo post, ed è un peccato che quella chiesa resti in quelle condizioni....

aeneida ha detto...

lacuna...
non conosco quella chiesetta se non di passaggio... e non mi son mai soffermata a guardarla e dopo i tuoi pensieri sono davvero curiosa di ammirarla...
io però sto paesino proprio no riesco ad amarlo...

Alex ha detto...

Caro Rino,mi fa piacere che nel tuo commento si palesi un amore per questa città che i coratini,noti per la loro "esterofilia",sembrano invece non provare o cercare in ogni modo di nascondere.Personalmente,parlando obiettivamente ed in maniera scevra da inutili campanilismi ,ritengo che a Corato rimangano solo poche testimonianze di valore storico ed archeologico.I motivi sono vari:dalla ignoranza e dalla stupidità dei nostri amministratori (senza tralasciare anche la connivenza politico-affaristica),alla ignoranza ed alla impassibilità,di fronte a scempi artisitci continui, dei cittadini. Esempi?
1)Teatro Kursaal
2)Tombe di San Magno
3)Palazzo Ducale in piazza del popolo
4)Torre Gisotti
5)Torre Palomba
6)Mura della città
7)Torre Longa
Potrei continuare a lungo con gli esempi.Spero solo che ci sia l'occasione per parlarne in maniera articolata e completa.
Riguardo San Vito.Caro Rino tu speri che il Comune acquisti quell'edificio per poi abbatterlo.Vivi nel fantastico mondo del Mago Nicola!Sono stati i tecnici comunali a dare parere positivo alla costruzione di quel palazzo a meno di 5 mt dalla chiesa.(Amministrazione Di Gennaro).Cmq,cosa che forse in pochi ricordano,il Comune,all'epoca della costruzione,ne interruppe temporaneamente i lavori.
Poco dopo i lavori ripresero in maniera frenetica con ritmi impressionanti,quasi si volesse impedire di far vedere qualcosa ad occhi indiscreti.Ma cosa?
Ti saluto!
P.S.:saluto tutti,ma in particolare Gigione

Vincenzo ha detto...

Approvo Alex nell'analisi di cosa avevamo a Corato. Di cosa ci è rimasto e non riusciamo a valorizzare, se non sfasciare.
Rino tu hai parlato della chiesetta di S. Vito. Per realizzare il tuo sogno, il palazzo dovrebbe diventare vetusto, sperando che la chiesetta sia più forte a resistere.
Non ti nascondo che mi è scappata qualche lacrima quando un bel giorno, anni fa, ero ancora a Corato, tornado a casa ho constatato che avevano dato fuoco al giardino di Villa Capano. Ora sappiamo come è andata a finire. La storia si ripete come per il Kursaal.

Anonimo ha detto...

Ricambio i saluti Alex, e approvo ciò che hai scritto. GIGGIONE

k4u ha detto...

I coratini non meritavano quella chiesetta bellissima. E' stato un errore della storia. Ed infatti i coratinil'hanno praticamente cancellata. I conti tornano