lunedì 20 ottobre 2008

Spreco di acqua che non c'e



Circa 2000 anni fa Quinto Orazio Flacco disse queste parole "siderum insedit vapor siticulosae Apuliae" (arriva alle stelle l'afa della Puglia sitibonda).
Il che significa che la Puglia e' sempre stata per vari motivi una terra povera d'acqua.
Forse credete che qualcosa sia cambiato??
Ve lo dico io e' cambiato ben poco.
Di quel ben poco e' successo che nel 1915 si e' costruito l' Acquedotto pugliese, che si dice sia il più grande d'Europa.
Qualcuno pensera' , "si e' costruito l'acquedotto più grande d'Europa allora la Puglia se ne stara' beata tra litri e litri d' acqua"!!!!!
Nulla di più falso, eh si perché' non serve costruirci canali per l'acqua , se poi e' proprio l'acqua che manca!!
E in effetti il problema e' proprio questo , sebbene ci sia un acquedotto, non e' altrettanto vero che ci siano scorte di acqua sia per tutti i giorni che anche per riserve strategiche per periodi di emergenza come questo..
Ma la Puglia si sa' e' una terra poverissima di fiumi anzi ce ne saranno al massimo una decina e insufficienti per far "dissetare " tutta la regione, e in effetti la Puglia oltre che da qualche invaso , l'acqua la prende diciamo in prestito prevalentemente dal fiume Sele che scorre in Campania, e anche dalla Basilicata.
MA venendo all'attualità, ieri sul sito web della mia città leggo questa notizia che annuncia un taglio dell'erogazione di acqua nelle case pugliesi.
MA va be se non c'e acqua ,pazienza ci dovremo arrangiare.
MA oggi cosa vedo?!?!?!??
Una fontanella per strada sprovvista di rubinetto, che erogava litri e litri di acqua , sprecando il prezioso liquido!!
Allora come la mettiamo?!?!?
Manca l'acqua e la sprechiamo nelle fontanelle pubbliche???
O e' solo allarmismo quello che comunica l'ente preposto alla distribuzione di acqua, o e' falso che manca l'acqua??
Concludendo rivolgo un appello ai signori dell'Acquedotto Pugliese "suggerirei una scorta di semplici rubinetti per le fontanelle pubbliche"!!

8 commenti:

Peppe ha detto...

E meno male che non sapevi nulla della cultura latina, ora fai anche le citazioni! Bravo.

Niente Barriere ha detto...

Ciao!
Grazie a Peppe sono venuto a conoscenza del tuo post.
Nel mio Blog spesso mi occupo di acqua e se non hai niente in contrario, segnalerò questo post nel mio blog.
Grazie e un saluto da Raimondo di Niente Barriere

Niente Barriere ha detto...

Ciao Gennaro,
ti ho linkato nella sezione Amici Blog ;) grazie e ci risentiamo presto!!

Un saluto da Raimondo

aeneida ha detto...

non sono collegamenti ma la narrazione delle mie giornate... vabbè.. che mi racconti della terronia?

Vincenzo ha detto...

Io credo che manca, si manca proprio, una cosa a noi pugliesi e a tutti noi italiani: l'indignazione.
Non quella delle belle parole, ma quella che ci porta ad alzare la voce e a protestare.
Bel paese

Perché non scoppia la rivoluzione in Italia

Nunzio Calò ha detto...

Io colgo sempre l'occasione per indignarmi, per protestare e per dire la mia, e infatti risulto poco simpatico alla maggioranza.
Noi, per ritornare a bomba, abbiamo l'acquedotto più grande del mondo e una portata d'acqua potabile che sarebbe pure sufficiente... se non la utilizzassimo pure per gli sciacquoni! Altro che fontanelle, insomma...! Per quanto riguarda la bibliografia, tanto cara a Gennaro, io invece voglio segnalare "Sete" di Giorgio Nebbia. L'ho letto 15 anni fa e ho ricordi di un bel libro!

lellofieramosca ha detto...

ciao Gennaro
devo ricordarti dove viviamo?
siamo in Italia (oltre che in puglia).
comunque :non bisogna fare subito allarmismo non appena si vede qualcosa che non va'.
un po' di tolleranza..
..e che diamine!!

Gennaro ha detto...

Lello non credi che l'allarmismo lo creano quelli dell'AQp dicendo che chiuderanno l'acqua??