venerdì 25 settembre 2009

Obbligo rosa



















La nostra societa' "bigotta ed evoluta" ci impone di essere buoni , non razzisti, berlusconiani e amanti delle donne.
Alcuni amano le donne a modo loro , altri invece cercano di farle sentire importanti, mandandole in politica.
Certo , alcune saranno anche brave, ma altre sono peggio del mio cane mentre insegna inglese a una classe di barboncini
Ieri e' scoppiato il caso della provincia di Taranto , in cui si impone "per forza" di mettere nella giunta una donna.
Adesso io mi chiedo, ma la classe politica italiana e'
  1. Maschilista???
  2. Ignorante?
  3. Affetta da Misoginia?
  4. O semplicemente vuol votare gente indipendentemente dal sesso ???
Questi sono i dubbi che mi attanagliano quotidianamente (oltre al pagamento dell'affitto di casa ).
Se queste quote rosa servono per non ostacolare le donne nell'entrata in politica , allora se si deve essere coerenti e se vogliamo che tutti i membri della nostra societa' siano rappresentati in politica, allora perche' non mettere una quota anche per i gay???
Fanno parte anche loro della nostra societa' , e sicuramente sono molto piu' ostacolati delle donne !!!
Questi obblighi sono fastidiosi secondo me in primis per le donne stesse che secondo me si sentono relegate in una cerchia di emarginate .
E poi concludendo , io quando votavo cercavo di scegliere una persona in gamba indipendentemente dal sesso, colore e lunghezza dei capelli!!

4 commenti:

Spinoza ha detto...

Assolutamente d'accordo con te.

chicchina ha detto...

Da donna,non mi piacciono le quote rosa,o azzurre o gay,non mi piacciono le divisioni per genere,o cenzo o religione o razza.E su questo siamo d'accordissimo.
Le donne in politica però cvi sono poco,il problema è sarere se non c'è la loro disponibilità,a mettersi in gioco,a buttarsi nella mischia o ,siccome sono i partiti,anzi le direzioni politiche a scegliere,esse non vengano scelte ad arte,magari perchè ritenute più adatte ad altro,anche restando,per carità,nell'ambito della politica.
Ma essere scelte,per legge,non è una conquista,solo una toppa che evidenzia la falla della nostra società.Ciao.

Orval ha detto...

Uno stato che ha bisogno di una legge per eleggere delle donne in qualche istituzione deve aver qualche problema. Come se non bastassero gli altri.

Pupottina ha detto...

buon inizio settimana ^________^