mercoledì 25 febbraio 2009

Dittatura religiosa in cucina





Oggi ne ho sentita una bella, oggi ancora una volta la laicità dello stato e' stata torturata!

In scuole pubbliche , cioe' di tutti i cittadini "di qualsiasi religione", il comune di Roma ha proibito di mangiare carne nel periodo di quaresima, modificando il menu nelle suddette scuole.
Incredibile come un credo religioso sia cosi' potente da cambiare il menu, di migliaia di cittadini cattolici ,musulamani, ebrei o non credenti .
Non tollero il crocifisso negli edifici pubblici (cioe' di tutti i cittadini di qualsiasi credo religioso), ma lo tollero a mio malgrado, ma che nel 2009 un'istituzione si adegui a una dottrina religiosa specifica solo per chissa' quale ragione (politica??) , questo e' un crimine verso la laicità.
Ma se io non credente/musulmano/ebreo volessi far mangiare la carne a mio figlio ?????
Chi mi obbliga a seguire la dottrina cattolica???
Allora dovremmo vietare anche il maiale per gli studenti musulmani o ebrei???
E di qusto passo dove andremo a finire???
E allora per coerenza dovremmo vietare la vendita di carne in tutta Italia per il periodo quaresimale??
Di questo passo mi costringeranno anche a farmi il segno della croce quando vado in comune???
Gli unici ad essere felici oltre ai fondamentalisti cattolici saranno gli animali da macello almeno avranno qualche mese in più di vita!

domenica 22 febbraio 2009

Io e Annie

Nei giorni scorsi ci ha lasciato Oreste Lionello ; attore , comico e soprattuto doppiatore .
Nella sua lunga carriera di doppiatore , ha doppiato molti attori stranieri ma e' ricordato soprattuto per essere la voce italiana ufficiale di Woody Allen.
Ha doppiato Allen in film memorabili, e in altri meno belli , ma a me e' sempre piaciuta una scena che ritengo eccezionale del film "Io e Annie" .
Lui nella sua fantasia ritorna per un attimo nella sua aula di scuola e parla con i suoi vecchi compagni di classe rimasti bambini e parlando del più e del meno (soprattutto di sesso) fa raccontare ai bambini cosa sono diventati realmente da grandi.
L'ho sempre sognato di fare anche io quel viaggio fantastico, ma finora non ci sono ancora riuscito!

lunedì 16 febbraio 2009

Artigiano paragonato al commerciante


Nel mondo del lavoro chiunque vende qualcosa, zucchine, , pasta , pasticcini, arte, opere, lavoro manuale, pensiero, creativita', ma non per questo tutti siamo commercianti.
Questa introduzione mi porta a parlarvi di una pseudo discussione avuta con un'impegata di banca stamattina.

Per faccende di cui non voglio rendervi partecipi (operazioni bancarie difficilissime per soli 66€) oggi mi sono recato in banca, e parlando con l'impiagata durante l'operazione la suddetta impiegata mi apostrofava come commerciante.
Lo so' non e' un'insulto , ma semplicemente le ho fatto notare che io sono un'Artigiano, ma lei continuava a non capire dicendo che non c'era nessuna differenza tra commerciante e Artigiano.
Leggermente infastidito le faccio notare che in primis io sono iscritto all''albo degli Artigiani e non dei commercianti e poi la differenza c'e eccome tra me e un commerciante.
Io compro un prodotto non finito e lo trasformo , mentre un commerciante si "limita" a vendere dei prodotti finiti.
Lei non convinta mi obietta che anche io vendo la mia merce quindi sono (secondo lei ) un commerciante.
Va be, concludendo le dico, che anche lei allora stava vendendo la sua opera in banca e non per questo io la potevo chiamare commerciante.
E cosi' sono andato via!
Come mi duole il cuore a pensare che la nobile attivita' dell'Artigiano sia caduta cosi' in basso, cosa direbbero i nobili Artigiani di una volta , che avevano i loro riti, le loro bizze , le loro arti , cosi' gelosamente segrete , e creavano degli spelendidi manufatti giunti integri ai giorni nostri ?
Colpa dell'ignoranza dei grandi magazzini dove la plasticae schifezze simili hanno messo da parte l'arte manuale di un uomo!
Non apprezzano il nostro lavoro e lo sottovalutano!
Spero che nessun commerciante se la sia presa a male, ma non volevo assolutamente offendere la nobile categoria dei commercianti che in un certo senso e' anche arte pure quella.
Ah concludendo guardate che non voglio essere paragonato all'Artista, io sono semplicemente un'Artigiano .
Tra arte e Artigianato c'e un'abisso , ma ne parlero'' forse un'altra volta!

venerdì 13 febbraio 2009

C'è crisi

Non vedo l'ora che finisca questa benedetta crisi , cosi' la finiranno di dire che c'e crisi!

mercoledì 11 febbraio 2009

L'FMI ci vede male










Faccio il corniciaio da dal 1989 e per lavare i vetri uso da sempre carta di quotidiano; appallottolo il foglio e lo uso a mo' di straccio con del liquido detergente.
Devo dire che il sistema e' davvero il migliore ve lo consiglio provatelo poi mi dite, ma veniamo a noi, ieri mentre prendevo un quotidiano a caso , mi capita un foglio del corriere della sera del 16 febbraio del 2006, e l'occhio mi cade sul titolone che potete leggere nella foto!
MA allora come mai c'e quel titolone???
Forse l'FMI ci ha visto male'??
C'e qualcosa che non va' , secondo me questo FMi ha fatto fa' e fara' dei casini.
MA la cosa bella e che lo stesso Fmi dice in questi giorni "Fmi, per l'Italia ripresa a fine 2010".
Ok bene ma ci dobbiamo credere???
Forse faro' meglio a usare i quotidiani per il lavoro senza guardare i titoli, almeno lavoro piu rilassato!

martedì 10 febbraio 2009

Che schifo


Sto aspettando e pensando ; quale sara' il prossimo caso mediatico dove ci porteranno??
A quale povero cristo stanno pensando??
A che omicidio stanno pensando??
A quale bambino stanno pensando??
A quale malato stanno pensando?
Non parlero' del caso del giorno , ma penso che davvero tutti abbiamo fatto schifo!

lunedì 2 febbraio 2009

Le guerre non sono tutte uguali


Fin da bambino ho ascoltato i Pink Floyd dapprima con curiosita' e poi da grande ho apprezzato i contenuti dei loro testi. La mente creativa e' sempre stato Roger Waters che ho avuto l'onore di ascoltare a Roma nel 2006 , e mi ha sempre colpito la dolcezza e la durezza con cui ha saputo raccontare l'orrore della guerra , partendo dalla perdita del padre (mai conosciuto) nello sbarco di Anzio nel 1944 .

Fortemente puntualizzato nella grande opera meravigliosa che e' "The Wall".

In un album secondario della stupenda discografia dei Pink Floyd (The final Cut) racconta con dolcezza in questa canzone (Get your filthy hands off my desert) un crimine di guerra poco raccontato al grande pubblico, tenuto nascosto e dimenticato. Eppure da inglese ha, tra le righe raccontato ancora una volta la tragicita' della guerra.

Get Your Filthy Hands Off My Desert
Breznev took Afghanistan
Begin took Beirut
Galtierì took the Union Jack
And Maggie over lunch one day
Took a cruiser with all hands
Apparently to make him give it back
Mettete Giu’ Le Vostre Sporche Mani Dal Mio Deserto
Breznev s'è preso l'Afghanistan
Begin s'è preso Beirut
Galtieri ci ha preso la bandiera
E Maggie un giorno durante il pranzo
S'è presa un incrociatore con tutte e due le mani
Per farcelo restituire, evidentemente