domenica 24 ottobre 2010

Lo spettacolo della tragedia






















La cosi detta "fortuna" ci vuole sempre.
Anche per morire!
Come in tutte le epoche , anche la nostra , e' ricca di casi efferati di cronaca nera .
Non e' che nel medioevo non ci fossero ( forse ce ne stavano anche di più e più cruenti) , ma nel medioevo non c'era la "cara " TV e tutto il resto , e quindi solo in pochi veniva a saperlo e quei pochi che lo sapevano , avevano altre preoccupazioni , tipo non morire di fame.
Oggi che purtroppo si mangia di più e male, il gossip la fa da padrone, anche in campo mortuario/omicidiario.
Da sempre l'uomo e' stato attratto dall crudeltà come spettacolo (Il colosseo ne sa qualcosa) e anche oggi quando in un campo di calcio c'e qualche azione violenta subito si sentono alcuni personaggi inneggiare alla morte o al sangue!
Ma veniamo ai recenti fatti di cronaca, in Puglia come qualcuno sa' , e' avvenuto un terribile fatto di cronaca nera , ma non vorrei entrare nel dettaglio , non e' questo che mi interessa, io sono rimasto colpito dal dopo, dai famosissimi applausi, e dalle tante cose dette su TV giornali e Internet.
Addirittura turisti del gossip cimiteriale , incredibile, poi dicono che c'e la crisi!!
Da piccolo quando andavo al cimitero con i miei genitori , venivo rimproverato al minimo rumore che facevo in quel luogo, il silenzio era d'obbligo , come civilmente si dovrebbe fare, allora me lo spiegate come mai ora vanno di moda gli applausi???
Ma l'applauso non si dovrebbe fare in occasione di uno spettacolo????
Cosa gli dovrei spiegare a un eventuale figlio, che la morte e' uno spettacolo, e poi allora perché si appllaude solo a certi morti???
Perché allora non a un morto di 89 anni???
O a un bambino di 3 anni ??
Allora e' vero che ci vuole "Fortuna" anche nel morire???
Comunque tra le varie stupidaggini che ho letto ascoltato e visto ce ne sta una che mi ha davvero colpito.
Un noto quotidiano on line tra le varie ipotesi del movente dell'omicidio ha fatto questa sensazionale scoperta, e cioè, hanno pubblicato una foto con il confronto della zia e della vittima, in cui si vedeva la somiglianza che aveva la zia quando aveva la stessa eta' della vittima.
Allora io mi chiedo , ma cosa diavolo c'entra???
Forse perché io somiglio a mio cugina devo essere per forza io l'assassino?????
Ai prossimi applausi!

giovedì 17 giugno 2010

I cattolici e i Blues Brothers



Amo da sempre il cinema e nella mia specialissima classifica chiamata " i film da salvare " , c'e il meraviglioso film The Blues Brothers.
Qualche giorno fa il famoso film ha compiuto 30 anni e stavo bello simpatico per vedermelo , quando sul web leggo questa clamorosa news!!!!!!
Eccola qui!!!
Ecco ci risiamo ancora i temutissimi cattolici all'arrembaggio, la loro avidità non ha limiti , fagocitano tutto quello che esiste, e' roba loro, per chissà quale disegno divino, la fede, Dio (se esiste) e' solo il loro DIO cattolico e da oggi anche determinati film sono loro!!!
MA no, mica viviamo in una dittatura cattolica figuriamoci , poi addirittura in Italia!!!!!
VA be dopo questo sfogo analizziamo meglio le parole del nostro amico giornalista cattolico blues man-brothersiano.
Adesso analizzando il tutto certo spiegherò un po' il film , quindi per chi non l'avesse ancora visto (mi dispiace per lui) consiglio di fermarsi qui!

Lui dice "Gli indizi non mancano in un'opera dove i dettagli non sono certo casuali", ok se c'e una sceneggiatura e' ovvio che il film non sara' casuale, ma vediamo questi dettagli:

1 "A iniziare dalla foto incorniciata di un giovane e forte Giovanni Paolo II nella casa dell'affittacamere - dall'accento siciliano e vestita di nero, dunque cattolica - di Lou 'Blue' Marini".
Io chiamerei questo dettaglio bigottismo e idolatria che non hanno nulla a che fare con la fede e Dio, anche camorristi e mafiosi hanno le case piene di figure di Gesù Papi e P. Pio , e allora??
Se il cattolicesimo e' questo.....
2 "A fianco dei piccoli e della Pinguina (la temutissima madre superiora dell'orfanotrofio ndr.), i fratelli Blues sono capaci - si legge - di toccanti attenzioni"
Adesso dobbiamo guardare il video qui sopra e notiamo che, i nostri due simpatici eroi salgono dalla Pinguina con una sorta di paura quasi terrore , forse sanno che la Pinguina sara' cattiva con loro?? Forse ricordano i suoi modi non certo amorevoli????
Sono davanti alla Pinguina , lei seduta quasi nemmeno li saluta , e' severa, sguardo incazzato nero,sarcasticamente dice di essere contenta di rivederli , e soprattuto viene subito al sodo e dice che la Contea vuole 5000 dollari per una imprecisata tassa.

Elwood le chiede perche'non è il Vescovo a pensarci, ma evidentemente il sig. Vescovo come fa notare la Pinguina non e' interessato alla fondamentale educazione cattolica di poveri bambini orfani , perché vuol far cassa vendendo la proprietà al ministero della Pubblica istruzione ( quindi non pagando le tasse e incassando soldi).
LA pinguina poi ha il terrore di finire come missionaria in chissà quali posti (Africa ,America Latina) quindi si deduce che ama la vita di citta' invece di aiutare poveri bambini in zone poverissime!!!
I due (educati da principi cattolici intransigenti) le fanno notare che non ci sono problemi e le porteranno la somma l'indomani, ma la Pinguina non accettera' mai i loro sporchi soldi rubati e inizia a picchiarli selvaggiamente!
Evidentemente la Pinguina conosceva le abitudini dei due, educati da sani principi cattolici

3 così Elwood non si dimentica di una terribile crema al formaggio commissionatagli da un anziano amico
Ma avere un vecchio amico e' una prerogativa solo cattolica??????


4 Elwood, il più galante, rinuncia persino all'avventura con una fascinosa signorina - alla 'missione per conto di Dio'
Elwood deruba la tizia in questione quindi e' logico che deve scappare prima che lei se ne accorga .

Infine non vorrei tediarvi con tutta la storia del film , ma vorrei concludere con una sola riflessione:
Tutto il film gira intorno a una famosa Missione per conto di Dio, quando "Joliet" Jake Blues e Elwood vanno in chiesa battista di Triple Rock. Una volta giunti lì,vengono illuminati da una luce divina.
A parte che vanno in una chiesa battista e non cattolica , ma poi Dio ha venduto i suoi diritti alla chiesa cattolica???????

Sono giunto a una conclusione; io e il giornalista Gian Maria Vian abbiamo visto due film diversi!!!
Un film inno alla liberta' e alla musica libera non puo' essere ingabbiato in una categoria religiosa ben precisa!!!!
Liberiamo il cinema dai fondamentalismi per favore!
Viva il cinema !


N.B. Comunque il film in questione non e' in cima alla mia classifica !

mercoledì 5 maggio 2010

Povera Patria






















Povera Patria cantava Battiato .
Oggi sono iniziate le manifestazioni per il 150º anniversario dell'Italia unita. con tantissime polemiche.
150 Anni fa un gruppo di uomini partiva in queste ore per creare una nazione , per unire dei popoli che erano completamente diversi tra loro, eforse lo sono ancora .
Sono cresciuto in una famiglia tradizionale/conservatrice/leggermente patriottica , ma non fodamentalista, e per me fino a pochi anni fa il concetto di patria non si discuteva.
Le parate del 2 giugno sono ancora ricordi piacevoli, l'inno di Mameli mi emoziona ancora , ma oggi il concetto di patria mi fa molto riflettere.
Patria e Stato sono due cose che hanno avuto dei significati molto diversi per me , perche' lo stato l'ho sempre visto come il cattivo , e in effetti più cresco e più ne sono convinto, ma la Patria l'ho vista come una sorta di mamma che distribuiva sorrisi e benevolenza ai suoi figli.
Crescendo ho scoperto che in effetti la madre Patria e' solo un concetto per far commuovere i cittadini ancora legati ad essa.
Allora il tentativo di far nascere gli italiani come popolo e' fallito , o non e' mai riuscito completamente??
Tanti dicono che ci sono tante "Italie " da far convivere .
Oggi poi che da un lato si parla di " federalismo" (la parola federalismo fa meno paura di secessione , ma certo forse farà piu male), e dall'altro i mai spenti fuochi Borbonici che inneggiano a martiri della causa meridionale post Garibaldina, non fanno altro che confodermi ancora di piu' !
MA allora cosa si festeggia???
Sara' allora l'ennesima ruberia dei nostri "amati politici " senza ritegno???
Io nel frattempo mi chiedo quante patrie ho??
Coratino, Peuceta, Pugliese, Borbonico ,Italiano, o Europeo???
Nel frattempo ho anche sposato una donna di un'altra Patria .
E nel frattempo questa donna e' diventata cittadina Italica.
Cosa gli potrò raccontare quando mi chiederà cosa significa amare la Patria oggi??

domenica 25 aprile 2010

Da che pulpito viene la predica



Ormai in Italia tutto può succedere , ma la cosa bella e' che nessuno si scandalizza più.
Se si parla di falsi divi televisivi o sportivi l'attenzione e' alta , ma se si deve andare a parlare di cose ben più serie, l'italiano medio sbuffa e dice che non gli va di ascoltare roba noiosa!
Ma veniamo ai fatti: notizia del 24 aprile 2010 praticamente il Ministro Roberto Maroni dice che alcuni giocatori e alcuni "tifosi" di calcio incitano e fanno violenza.
Naturalmente dice il vero e anche io sono contro la violenza negli stadi , ma non entrando in merito al discorso " violenza negli stadi" farei alcuni passi indietro e analizzerei due cose.
La prima e' : ma ve le ricordate le risse in Parlamento????? MA quante volte abbiamo assistito a gestacci (famosa la scenetta della mortadella) plateali non certo di buon gusto , quante volte abbiamo ascoltato parole non certo "Onorevoli" pronunciate dai nostri deputati , e tutto ciò non fa parte di un discorso violento???
Seconda cosa : ma lomsapete che il Signor Ministro Roberto Maroni e' stato Condannato definitivamente a 4 mesi e 20 giorni di reclusione per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale,
in relazione ai tafferugli durante la perquisizione della sede leghista di via Bellerio a Milano. Maroni, prima di finire in ospedale con il naso rotto, avrebbe tentato di mordere la caviglia di un agente di polizia. Di qui la condanna a 8 mesi in primo grado, poi dimezzata in appello e in Cassazione. Maroni è anche imputato a Verona come ex capo delle camicie verdi, insieme
a una quarantina di dirigenti leghisti, con le accuse di attentato contro la Costituzione e l’integrità dello Stato e creazione di struttura paramilitare fuorilegge. Ma i primi due reati sono stati ampiamente ridimensionati da una riforma legislativa ad hoc, varata dal centrodestra nel 2005, allo scadere della penultima legislatura.

.....avrebbe tentato di mordere la caviglia di un agente di polizia......

Ma allora signor Ministro certa gente non dovrebbe entrare negli stadi vero!!!!???
Certa gente con che coraggio viene a farci la predica ????

P.S Per chi volesse conoscere tutti CONDANNATI, PRESCRITTI, INDAGATI, IMPUTATI E RINVIATI A GIUDIZIO che erano o sono parlamentari ecco qui la lista

giovedì 25 marzo 2010

"Fuoco distruggitore"
















Si dice che l'imperatore Nerone sia rimasto impietrito nel vedere Roma bruciare.
Ma sono solo voci.
Circa 2000 anni dopo un ministro rimase eccitato e sorridente a vedere un enorme falo'.
SI fece fotografare con sorrisi a 45 denti e intanto le fiamme divampavano!
Chissà cosa si prova in certi momenti??
Dopo anni di duro lavoro per le istituzioni e' una bella soddisfazione farsi fotografare dinanzi a un falo'.
MA io mi chiedo , in un paese civile divorato ma 1000 problemi , un bell'esempio di ecologia non si poteva fare???
Perche' quell'enorme pila di carta non e' stata riciclata??????
Non era difficile , sarebbe bastato un camion e tutto in una bella isola ecologica , e qualche bella foto non sarebbe stata sgradita.
MA tutto questo ha un senso in un paese civile e normale , invece qui...............

martedì 16 marzo 2010

Mi preoccupo quando mi dicono di non preoccuparmi














Capita che ogni giorno ci si imbatta in situazioni più o meno strane e si usi la famosa frase "DAI NON TI PREOCCUPARE".
Ecco, questa frase mi mette ansia, perche' generalemnte c'e da preoccuparsi quando uno te lo dice.
Infatti succede sempre che la cosa vada male e li mi "preoccupo" davvero!
E' una frase che e' entrata nel gergo comune , viene detta non noncuranza e senza "preoccuparsi"degli effetti "preoccupanti " che puo' provocare!
A me succede raramente di dirla questa frase , ma mi scuso subito dopo con il mio interlocutore.
Le varianti meno preoccupanti sono " stai tranquillo" , "non c'e nessun problema", oppure "andra' tutto bene".
Io una spiegazione ce l'ho , io penso che nella mente le parole brutte o "preoccupanti" ci mettono subito in allarme , anche se queste parole sono associate alla negazione .
Per esempio: se non devo preoccuparmi , io penso subito alla preoccupazione ma non al fatto di stare tranquillo .
In conclusione per favore non ditemi "Non preoccuparti".

giovedì 4 marzo 2010

Gli asini se ne fregano























Ho scoperto una cosa; ci hanno ingannato, il mondo non e' quello che ci hanno insegnato a scuola !!
A scuola ci dicevano tante stronzate!
Ci davano ogni mattina delle strane "pillole rosa" e ci pungevano con i famosi "4 puntini" .
Chissà cosa c'era li dentro???
Secondo me eravamo topi da laboratorio!!!
Ci facevano cantare l'inno nazionale, e ci dicevano che eravamo tutti uguali , ma nel frattempo i bianconeri vincevano sempre loro ( come mai??).
Ci dicevano che c'era un Dio forte buono e comprensivo , ma io non l'ho mai visto agire!!!
Per rimproverarci ci davano degli Asini , come se un asino fosse una creatura ignorante e insignificante, detto dagli "Uomini" che sono anche mostri e' un complimento!

Nel frattempo più guardavo gli Asini e più mi stavano simpatici, con quello sguardo tranquillo sereno e di chi la sa' lunga!
LA verita' e che siamo menti istituzionalizzate e seguiamo la corrente.
LA falsita' regna incontrastata sovrana , la mediocrità avanza come un carro armato!
In questo mondo falso l'unica verita' sono i nostri guai quotidiani che ci inseguono e alcune volte ci raggiungono!
Ogni giorno si combatte a colpi di rabbia e contro gente falsa e ignorante
Le  persone  che mi vogliono bene  dicono che mi incavolo facilmente, e hanno  ragione, ma ditemi se e' normale vivere in mezzo gente che urla in mezzo alle scale solo per chiamare i parenti di sotto, o se si deve ascoltare ogni giorno il panettiere alle 13 :25 che strombazza con il clacson solo per avvisare le massaie (grasse e rimbecillite da tronisti) che devono uscire per compare il suo pane fatto con farina bianchissima e velenosa!!!
Potrei fare esempi a vanvera , ma mi autocensuro.

Il protagonista di un bellissimo film sognava un mondo dove «Buongiorno voglia davvero dire buongiorno».

giovedì 4 febbraio 2010

La croce fa male


















Ogni simbolo vuol, comunicare qualcosa, questo e' indiscutibile.
Nessuno e' indifferente a un simbolo, se ci fate caso se ci si trova davanti a un simbolo nuovo la domanda e' presto fatta: "Cosa significa "??
Poi ognuno gli da' il valore che crede , ma c'e qualcuno che e' andato oltre e ha esagerato , leggete qui.

domenica 24 gennaio 2010

La Morte riabilitante





















Come diceva Toto' la morte e' una Livella.

Io invece dico che semplicemente e' la cosa piu democratica del mondo , in fondo se ci pensate di li passeranno tutti : uomini, donne , misti, belli , brutti, ricchi , poveri , comunisti, non comunisti , credenti e non, puliti o sporchi e tante altre categorie!
In questi giorni sto assistendo a celebrazioni per il decennale della morte di un ex presidente del consiglio e si sta facendo gran rumore su questo fatto.
Naturalmente non entro in merito al caso politico/guidiziario, ma la mia voleva essere solo una considerazione sulla trasformazione morale che avviene quando un tizio muore e sulle celebrazioni/commemorazioni che ne conseguono.
Innanzi tutto secondo le usanze socialmente accettate , siccome una persone muore tutto il mondo deve dispiacersi ,e se si dice " per me la morte di questo tizio mi e' indifferente" viene preso per un cattivo.
Poi quando in qualche discorso si parla del defunto subito si mette il famoso "Povero", esempio "ehh quando c'era il Povero Giambattista" (nome di fantasia)!!!!
Poi perche' Povero??? Come se la vita fosse una ricchezza assoluta???
"Pace all'anima sua" , ma a parte che io non credo nell'anima, ma se si nota bene certi credenti usano la famosa frase" Dio giudicherà' la sua anima un giorno" , e se la sua anima e' stata giudicata male, perché deve restare in pace???
Il giudizio deve far seguire una pena o no?
LA morte secondo me non cancella i crimini o le cose buone fatte .
LA morte toglie la persone fisica , ma quello che ognuno di noi ha fatto in vita rimane nei ricordi di ognuno di noi!
Quindi e' inutile ingrandire o diminuire le gesta di una persona solo perché' e' morta, alla fine rimarrà per quello che davvero ha fatto!
Il tempo e' il vero giudice.
Infine ricordo un vecchio proverbio coratino che dice " E' inutil ca mitt u profum, alla fin fet semb d merd" che sarebbe " E' inutile profumare, tanto puzzera' sempre di merda"